Maggio: un mese intenso per l’Anmig di Sessa Aurunca

Regione:

30 Maggio 2019, pubblicato da

L’ANMIG e Fondazione di Sessa Aurunca è una delle associazioni più presenti e attive sul territorio della provincia di Caserta. Come nei mesi precedenti, anche nel mese di maggio 2019, grazie al dinamico presidente Marcello De Stasio, ha interagito con i cittadini del territorio partecipando a varie manifestazioni di interesse culturale e storico.

Il giorno 8 maggio, una delegazione dell’ANMIG, capitanata dal presidente, insieme a rappresentanti dell’ANCR di Sessa Aurunca, si è recata a Sparanise (CE), presso la locale sezione dell’ANCR, per la presentazione del libro: “Le Pietre vive della Memoria” a cura di Salvatore Serino. Dopo la cerimonia ad entrambi i rappresentanti delle suddette associazioni è stato donato una copia del libro da conservare nelle rispettive biblioteche a pro degli iscritti, degli studenti e della cittadinanza aurunca.

Il 9 Maggio 2019 l’ANMIG di Sessa ha preso parte all’interessante e partecipata manifestazione culturale  dal titolo: “IL FUTURO E’ IN NOI” organizzata dall’Istituto Superiore “A. Nifo” che ha visto intervenire i giovani studenti del Liceo Classico “Agostino Nifo”, del Liceo Scientifico “Ettore Majorana” e quelli del Liceo Artistico di Cascano, il tutto con la collaborazione ed il patrocinio del comune di Sessa Aurunca.

Il presidente dell’ANMIG e Fondazione, dall’11 al 13 maggio, insieme al segretario provinciale dell’ANMIG e Fondazione Caserta/Maddaloni, cav. Francesco Pagliaro, ha partecipato al 34esimo Congresso Nazionale dell’associazione svoltosi a Montesilvano (PE). Nel suo intervento, il presidente De Stasio, ha proposto la creazione di un “Istituto Storico”.

Infine, il 24 maggio, presso la sede dell’associazione di Sessa Aurunca (Sedile di S. Matteo), con l’ausilio dei soci, per sensibilizzare la cittadinanza e gli studenti allo studio, al recupero e alla conservazione della memoria su fatti accaduti durante la Prima guerra mondiale, 1915-1918, ha organizzato e preparato, su grandi pannelli, una bellissima esposizione di foto e documenti storici, dove si racconta “La Leggenda del Piave”, oltre a vari cimeli.

Arrivederci ai prossimi eventi.