L’ALTRA GUERRA – Terremoto nella Provincia di Macerata

Regione:

25 Gennaio 2017, pubblicato da

MACERATA – EDITORIALE DEL GIORNALINO SEMESTRALE SEZIONE DI MACERATA della Vice-Presidente Prof. Daniela Meschini.

“ Di queste case non è rimasto che qualche brandello di muro…” Ungaretti parlava della guerra ma ben si addicono i suoi versi a quello che è avvenuto nella nostro territorio. Paesaggi e luoghi amati e frequentati. Per molti sono parte di ricordi belli della giovinezza. In quei luoghi  silenti si possono rievocare le risa, i falò di tanti campi estivi. Paesi che in estate diventavano pieni di vita dove tanti ritornano per ritrovare le radici e per placare i ritmi serrati delle città. Insieme con gli splendidi borghi delle nostre montagne il mostro ha portato distruzione anche nelle nostre belle città medioevali e in modo più grave a Tolentino, San Severino e Camerino ma anche a Macerata con tante famiglie senza casa. E’ questo il dramma vero. La casa, il luogo dove ci si rifugia, il luogo protetto, lo scrigno di ricordi e di sacrifici. La casa, segno di gesti quotidiani di intimità. Dopo il boato la casa diventa segno di insicurezza, di precarietà di fragilità. Le nostre montagne laboriose sono anche luogo di aziende piccole e grandi, aziende che producono i nostri prodotti tipici e che ora si stanno impegnando per ritornare alla normalità, perché è questo che  il terremoto ha spazzato via, una vita normale fatta di gesti consueti e di  luoghi conosciuti e con la provvisiorietà, forte diventa la domanda di senso a cui è difficile rispondere.

TREMA LA VITA

Trema e sussulta la terra

d’un fremito mortale.

Trema e sussulta la vita

che appare fragile

come viola scossa dal vento.

Trema e sussulta il cuore

rapito da paura sorda.

Impotenti innanzi al mostro

che frantuma certezze. (D.M.)