san donà

Inventario della sezione Anmig di San Donà di Piave

Archivio dell’Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi di Guerra – A.N.M.I.G.
Sezione Mandamentale di San Donà di Piave

♦    Fondo Associazione nazionale fra mutilati e invalidi di guerra – A.N.M.I.G. – Sezione mandamentale di San Donà di Piave
1928 – 2015

♦    Fondo Associazione nazionale vittime civili di guerra – A.N.V.C.G. – Sezione provinciale di Venezia – Fiduciariato di San Donà di Piave
1948 – 1988

♦    Fondo Associazione nazionale famiglie caduti e dispersi in guerra – A.N.F.C.D.G. – Comitato provinciale di Venezia – Sezione di San Donà di Piave
1950 – 1985

DESCRIZIONE DEL FONDO DOCUMENTARIO

Denominazione
ASSOCIAZIONE NAZIONALE FRA MUTILATI E INVALIDI DI GUERRA – A.N.M.I.G. – SEZIONE MANDAMENTALE DI SAN DONA’ DI PIAVE

Estremi cronologici
1928 – 2015

Storia archivistica
L’archivio è conservato dal 2007 presso l’attuale sede della Sezione in viale Libertà n. 10 a San Donà di Piave, dopo il trasferimento dalla precedente sede di via Gorizia (Casa del Mutilato), ceduta al Comune di San Donà. E’ presumibile che gran parte della documentazione relativa ai primi 20-25 anni di vita dell’associazione siano andati dispersi o eliminati in periodo imprecisato, dal momento che la produzione documentaria si conserva in maniera strutturata solo a partire dagli anni Cinquanta del Novecento.
Il materiale documentario è stato oggetto di schedatura informatica nel 2013 – 2014, attraverso l’applicativo Microsoft Access, da parte di un’archivista esterna. L’intervento ha prodotto una base dati e un primo semi-ordinamento, esclusivamente virtuale, secondo una struttura logica articolata in 11 serie documentarie. Nel giugno – luglio 2018 è stato effettuato il riordino effettivo, anche fisico, delle carte, con un’articolazione in 12 serie documentarie, con la ricostruzione e la riunificazione dei fascicoli attinenti a ciascuna serie e la numerazione definitiva delle unità archivistiche (registri e fascicoli) e delle unità di condizionamento (buste / scatole). L’intervento in questione è stato completato dalla redazione del presente inventario e dall’etichettatura di buste, fascicoli e registri.

Contenuto

Consistenza: unità archivistiche 329, buste 154

Il fondo raccoglie la documentazione relativa all’attività svolta dalla Sezione mandamentale di San Donà di Piave dell’Associazione nazionale fra mutilati ed invalidi di guerra, dalla sua costituzione fino al 2015. La documentazione risulta lacunosa ed incompleta per il periodo che va dagli anni ’20 agli anni ’50 del Novecento.
L’accesso alla consultazione della documentazione è consentito previo appuntamento con la segreteria dell’ente. I documenti sono liberamente consultabili ad eccezione di quelli con meno di 40 anni contenenti i dati “sensibili” delle persone private (idonei a far rivelare l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche, politiche o l’adesione ad associazioni, partiti e sindacati), salvo che la persona ne abbia fatto dichiarata o implicita ammissione; i documenti che rivelano lo stato di salute, le abitudini sessuali o rapporti riservati di tipo familiare (dati “sensibilissimi”) divengono consultabili dopo 70 anni (artt. 122-127 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 “Codice dei beni culturali e del paesaggio”, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137).
La descrizione archivistica è stata compilata da Laura Pavan, seguendo le norme internazionali di descrizione archivistica ISAD(G), International Standard for Archival Description (General). La descrizione è organizzata quindi in modo gerarchico, dal generale al particolare, limitando per ogni livello descrittivo le informazioni ad esso pertinenti.

Si segnala la presenza di due piccoli fondi, anch’essi ordinati e inventariati in questa occasione, aggregati all’archivio dell’Associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra – Sezione di San Donà di Piave. Il primo è relativo al Fiduciariato di San Donà dell’Associazione nazionale vittime civili di guerra che, per diversi anni, ha condiviso la stessa sede della Sezione A.N.M.I.G. Il secondo è relativo alla sezione sandonatese dell’Associazione nazionale famiglie dei caduti e dispersi in guerra, che analogamente si appoggiava alla sede dell’A.N.M.I.G.

Criteri di ordinamento
Il materiale è stato organizzato in dodici serie, il cui ordine prevede all’inizio la documentazione relativa all’organo centrale dell’Associazione, cioè il Congresso, quindi la documentazione a carattere amministrativo relativa alla serie dei registri di protocollo, la corrispondenza, le circolari e la corrispondenza con il Comitato centrale di Roma e con il Comitato regionale veneto. Seguono le serie relative alla gestione della vita associativa e delle attività dell’ente, con i verbali e gli atti degli organi sociali (Assemblea soci , Consiglio direttivo, Fiduciariati), i ruoli e gli elenchi degli iscritti con la statistica periodica e le variazioni, i fascicoli personali, gli atti che documentano le attività di assistenza ai soci, le iniziative, le manifestazioni e i progetti di vario tipo. Una serie specifica è stata dedicata al patrimonio immobiliare, che sostanzialmente coincide con la costruzione della Casa del Mutilato di San Donà di Piave. Si passa poi alla documentazione contabile, riunita e organizzata per anno, con in appendice le dichiarazioni fiscali e gli atti relativi alla gestione del personale. Infine sono state organizzate le serie relative alle raccolte di periodici ufficiali dell’Associazione e alla documentazione fotografica, realizzata a partire dagli anni ’30 del Novecento, che testimonia i momenti più significativi della vita della Sezione (assemblee, cerimonie pubbliche, iniziative a favore degli iscritti, incontri conviviali, gite).
La numerazione progressiva delle unità archivistiche è chiusa, ovvero attraversa in continuità tutte le serie.

a cura di Laura Pavan

Inventario ANMIG S. Dona e aggregati 2018