Centenario Sezione ANMIG di Vicenza

VI_1

12 marzo 2019, pubblicato da

Sabato 26 gennaio presso il Museo del Risorgimento e della Resistenza di Vicenza, alla presenza di numerose autorità civili e militari, ha avuto luogo la celebrazione per il centenario di costituzione della Sezione Anmig di Vicenza.
La deposizione di una corona di alloro in memoria dei caduti di tutte le guerre da parte di un picchetto d’onore dell’Ana ha ufficialmente aperto la giornata.
Dopo il saluto del presidente della Sezione Anmig Adriana Bonelli, del Sindaco di Vicenza Francesco Rucco e del Presidente nazionale Anmig Claudio Betti, Il Professor Ugo Pavan Dalla Torre ha tracciato la “Storia dell’Associazione Anmig dal 1917 al 1923”.

Il momento più emozionante è giunto alla fine degli interventi con il conferimento degli attestati a

Carla De Zen Mattarucco
classe 1923. Come vedova di un mutilato di guerra – l’alpino Lino Mattarucco, è entrata di diritto nell’associazione bassanese dove è stata eletta presidente nel 1993. Carattere forte e deciso non teme nulla e ha sempre portato avanti le ragioni degli iscritti superando ogni ostacolo. Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica ha anche ricevuto il premio Città di Bassano per il suo forte impegno nel volontariato. Nel 2011, votata all’unanimità dalle 20 sezioni venete è stata eletta, prima donna in assoluto in Italia, Presidente di un Comitato Regionale e componente del Comitato Centrale di Roma.

Catterina Somaggio
“Rina” nasce ad Altavilla Vicentina nel 1925. E’ stata tra le donne vicentine impegnate nella guerra Partigiana. Aderì al Battaglione Guastatori dell’Argiuna con comando a casa di Annibale Tomasi. Divenne staffetta dei comandanti Tom Beltrame e Carlo Segato con compiti di portare oltre ai messaggi anche armi ed esplosivi. Arrestata il 2 dicembre 1944 e detenuta nel carcere di S. Michele subì strazianti torture dai nazisti che la resero invalida per tutta la vita.

Bruno Zamunaro
Classe 1921. Ha retto le sorti dell’Anmig vicentina succedendo a Silvio Bonelli. Ultimo presidente socio effettivo della meritoria associazione, ha passato il testimone ora alla nuova Presidente con la quale sta però ancora collaborando per onorare oltremodo il suo impegno a favore dei mutilati vicentini.

Attestati anche alle piccole Sofia ed Elisa accolte nel 2011 dal tricolore offerto dall’ANMIG ai nati nel 150°anniversario dell’Unità d’Italia. Sofia ed Elisa, presenti con le loro bandiere, sono state testimoni di uno storico avvenimento, i cento anni di vita dell’ANMIG a Vicenza.

Il Coro polifonico Vocaliter di Quinto Vicentino durante la celebrazione ha regalato momenti emozionanti con i canti “Io resto qui , Addio” “Benia Calastoria” e “il Signore delle Cime”
Una giornata tanto attesa da tutto il consiglio Direttivo Anmig di Vicenza che si è svolta in un clima di fraterna comunione di ideali assieme alla Città di Vicenza e ai suoi rappresentanti.
Nel 2009, Vicenza, in occasione del 90° di costituzione, aveva ricevuto dal CC di Roma una “Medaglia d’Oro”, consegnata al Sindaco Achille Variati, e un attestato di benemerenza con  la significativa dedica che da 10 anni ci accomuna alla nostra Città

  “A Vicenza Città Gloriosa e Mutilata”
Che nella guerra 1940/1945 ha subito lo stesso martirio che numerosi invalidi e mutilati hanno provato e sofferto nel loro fisico, trovando insieme la forza per ricominciare, forti dei valori difesi e condivisi, di Pace di Giustizia di Libertà.

Testimoni del Centenario della Sezione ANMIG, la Senatrice Daniela Sbrollini, l’Assessore  Regionale Elena Donazzan, il Sindaco di Vicenza Francesco Rucco, La vicepresidente della Provincia Cristina Franco e l’ex Sindaco di Vicenza Achille Variati.
Nella speranza di poter camminare ancora a lungo a fianco della nostra Città, il Consiglio Direttivo ANMIG di Vicenza augura ancora alla sua Sezione e a tutte le Sezioni centenarie ANMIG italiane

“Buon Anniversario”