betti1

Il Presidente Claudio Betti

Il professore Claudio Betti è il nuovo Presidente dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra e Fondazione. E’ stato eletto dal Comitato centrale, emerso dal XXXIII Congresso nazionale dell’Associazione che si è tenuto a Montesilvano, in Abruzzo, che ha voluto dare un nuovo segno di rinnovamento.
Dopo 98 anni, a guidare il Sodalizio, dunque, non sarà un ex combattente tornato ferito o mutilato dalla guerra. L’Anmig infatti ha sempre pensato al futuro e, oltre agli interessi morali ed economici dei mutilati e invalidi di guerra, creando la Fondazione ha guardato alla tutela del suo patrimonio ideale e materiale.
Proprio dalla Fondazione, in quanto figlio di un mutilato e invalido di guerra, viene il nuovo Presidente Claudio Betti, fra i primi aderenti e poi socio, dirigente di sezione, Presidente regionale in Toscana, quindi componente il Comitato centrale e la Direzione nazionale. Una vita dentro l’Anmig e la Fondazione che ora è chiamato a guidare per i prossimi quattro anni.
Il professore Claudio Betti, nato a Cascina nel 1942, proviene dal mondo della scuola alla quale ha dedicato gran parte della sua vita, insegnante di arti visive e applicate, ha ricoperto per anni il ruolo di Dirigente scolastico presso l’Istituto statale d’Arte di Volterra.
Grande impegno ha riversato anche nella pubblica amministrazione di Cascina come Assessore e Consigliere comunale.

Nell’ultima riunione della Conferenza dei Presidenti, il professor Claudio Betti è stato eletto all’unanimità Presidente della Confederazione Italiana  fra le Associazioni Combattentistiche e Partigiane.