Anmig Chieti – Premio Salvo D’Acquisto

chieti

9 marzo 2017, pubblicato da

Nella Sala Consiliare della Provincia consegnati i premi “Salvo D’Acquisto” a personalità “eroiche” dell’Abruzzo.

Nell’annuale e tradizionale appuntamento la Sezione Regionale di Chieti dell’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra, presieduta dal generale Carlo Palumbo, con la stretta collaborazione della segretaria Rachele Palombaro e con il patrocinio della Universum Academy Switzerland, ha promosso la l’edizione 2016 del Premio Nazionale “Salvo D’Acquisto”, assegnato a personalità che hanno compiuto e compiono atti d’eroismo nella vita quotidiana, di Chieti e di altre località d’Abruzzo.

La manifestazione, intitolata “Eroi di Ieri e di Oggi”, a  ricordo del professor Cesidio Cellucci (presente la figlia Mirella, il figlio e il nipote architetto Alessio De Francesco), si è tenuta nella Sala consiliare del Consiglio provinciale di Chieti.

Ha introdotto l’incontro, il generale Carlo Palumbo, alla presenza di un buon numero di invitati, tra cui il presidente della Provincia di Chieti Mario Pupillo, il Segretario della Giunta Regionale Abruzzo, Mario Mazzocca, e varie autorità militari e civili. Il presidente dell’ANMIG di Chieti dopo aver presentato il dottor Valerio Giovanni Ruberto, presidente internazionale dell’Universum Academy Switzerland, si è soffermato sul significato della manifestazione, che richiede un grande impegno di coordinamento con tutte le altre comunità sociali, soffermandosi sul concetto di eroismo del tempo passato e in quello presente, sottolineando come “non possiamo essere tutti eroi, perché ci vuole anche chi applaude lungo la strada da percorrere. Nel ricordare la compianta crocerossina Lea Di Carlo. Ne ha segnalato la passione per la poesia, invitando la professoressa Marta Rondinini a dare lettura di una composizione poetica della Di Carlo, di grande intensità emotiva, dedicata a  Salvo D’Acquisto ed al suo atto di eroismo compiuto per salvare 22 vite umane che i nazisti avrebbero voluto fucilare per rappresaglia durante l’ultima guerra mondiale.

Ha preso, poi, la parola il dottor Ruberto, che ha illustrato le finalità e le attività dell’Universum Academy da lui presieduta, fondata 26 anni fa e che opera in tutto il mondo tramite 14 ambasciate, 12 sedi, 2.200 soci e 2.500 sostenitori per svolgere attività culturali sociali ed umanitarie.

Si è quindi proceduto alla consegna dei premi nazionali “Salvo D’Acquisto” dopo la lettura del curriculum dei premiati e le motivazioni.

Questo l’elenco dei premiati: Casimiro Tonello, classe 1920, paracadutista della brigata sabotatori del 3° Reggimento della Divisione Nembo, che il 10 giugno 1944 ha liberato Chieti.

Simona Petaccia, la quale, benché costretta da sempre su una sedia a rotelle, si è laureata con lode in Lingue e letterature straniere e specializzata in Comunicazione/Uffici Stampa delle pubbliche amministrazioni, svolgendo attività di giornalista, di docente relatrice in seminari e corsi di formazione, consulente per progetti di beni culturali e sul turismo, membro del Comitato tecnico – scientifico dell’evento internazionale “Zero barriere”.

I coniugi Elio ed Elisabetta Petaccia, genitori”eroici” di Simona Petaccia, animati da bontà e amore per fare emergere le qualità e le doti della figlia come persona e non perché costretta su una sedia a rotelle, che hanno ricevuto il premio visibilmente commossi, tra gli applausi della sala.

Premio alla memoria di Michele Del Greco, ritirato dalla figlia Raffaella, “fulgido esempio di carità cristiana spinto fino all’estremo sacrificio, morto davanti ad un plotone si esecuzione per “aver prestato aiuto e soccorso a chi ne aveva bisogno”.

L’appuntato scelto della Guardia di Finanza, Andrea Perrotta, che con un atto di eroismo ha salvato una signora dall’annegamento tuffandosi con slancio generoso in mare, dimostrando “grande umanità e senso d’altruismo”.

Ha concluso la manifestazione la consegna di riconoscimenti a rappresentanti di istituzioni ed enti che in momenti drammatici, come nel caso del terremoto in Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. Sanno “tendere la mano all’altro, di quanti a rischio della vita, in difficoltà, all’escluso, allo straniero”.

Al Corpo dei Vigili del Fuoco, “garanti della sicurezza delle nostre città, pronti ad aiutare chiunque sia in pericolo anche a costo della propria vita”, consegnato al dottor Antonio Albanese, Comandante dei Vigili del Fuoco di Chieti.

Alla Protezione Civile, “strettamente legata alle calamità che colpiscono l’Italia, terremoti, alluvioni, consegnato all’architetto Mario Mazzocca, assessore regionale, responsabile dell’organismo abruzzese della Protezione Civile.

Alla Croce Rossa Italiana fondata sui principi di “umanità, imparzialità, neutralità, indipendenza, volontariato, unità, universalità che ne costituiscono lo spirito e l’etica” consegnato a Gabriele Perfetti, presidente regionale CRI.

All’AVIS (Associazione Volontari Italiani Sangue), che attraverso il volontariato “viene incontro alla crescente domanda di sangue” per la salvezza di vite umane in campo sanitario.